M

agnus Carlsen è ancora il campione del mondo di scacchi..

Il campionato del mondo si è svolto a New York, nella zona di South Street Seaport a Manhattan, dall'11 al 30 novembre. Si è giocato al meglio delle 12 partite, con un giorno di riposo ogni due partite e uno ulteriore tra l'undicesima e la dodicesima. In caso di parità, erano previsti spareggi di gioco rapido, lampo ed eventualmente, infine, una partita Armageddon

Il torneo ha diviso gli appassionati, chi le ha trovate poco molto combattute e prive di creativà... mentre il GM Lev Alburt, ha spiegato che entrambi i giocatori durante tutti gli incontri non hanno mai scelto le mosse più scontate e più sicure per arrivare alla vittoria, ma hanno cercato di mettere in difficoltà l'avversario creando anche dei rischi per loro stessi.. ha dichiarato.. «Sono state tra le partite di campionato più emozionanti della storia. Se eri un principiante, hai potuto imparare molto, se eri un grande maestro hai potuto imparare molto»

Carlsen and Karjakin, photo by David LLada Magnus Carlsen e Sergey Karjakin sono nati nel 1990 ed sono diventati campioni di scacchi molto giovani (rispettivamente a 13 anni e 4 mesi e a 12 anni e 7 mesi). Carlsen è il primo campione del mondo di scacchi occidentale dopo Bobby Fischer (dal 1972 al 1975).

Il norvegese si è confermato campione del mondo, dopo dodici partite che si erano concluse in parità contro il russo Sergei Karjakin, mercoledì 30 novembre (giorno del suo ventiseiesimo compleanno) Magnus Carlsen ha vinto grazie agli speed games, quattro partite di spareggio di gioco rapido, con due vittorie e due pareggi. Carlsen e Karjakin hanno diviso un premio di di 1,1 milioni di dollari, dei quali il 55% al vincitore

Soči (Russia) Campionato del Mondo

 
        Carlsen  -  Anand  1/2-1/2 Anand  -  Carlsen  1/2-1/2 Carlsen  -  Anand  1/2-1/2 Anand  -  Carlsen  1/2-1/2 Carlsen  -  Anand  1-0

notare come Anand col bianco apra sempre di Donna (D4) e Carlsen sempre di Re (E4)

 
Carlsen-Anand match, Sochi 2014

La FIDE, ha annunciato ad una conferenza stampa data presso l'agenzia di stampa russa INTERFAX, che la sfida mondiale tra il Campione in carica Magnus Carlsen e il suo sfidante (vincitore del Torneo dei Candidati) Viswanathan Anand avverrà a Soči. É stato lo stesso Predidente FIDE, Kirsan Ilyumzhinov, a dare questo annuncio e ha anche precisato le date e la sede: dal 7 al 28 novembre di quest'anno presso il villaggio olimpico.

La sfida per il titolo mondiale tra Magnus Carlsen e Anand Viswanathan termina all'11ª partita con il norvegese in vantaggio di 2 punti e quindi oramai irraggiungibile e rendendo perciò superflua la 12ª. Sochi2014 quest'ultima è stata una partita emozionante: Anand andava per una difesa berlinese e otteneva una di quelle posizioni solide che escono da questa difesa. Alla 23ª mossa Anand giocava l'inaspettata 23) … b5! che permetteva più spazio di manovra per re e pezzi neri oltre a mettere sotto pressione i pedoni bianchi sul lato ovest. Carlsen evitava di rendere deboli i propri pedoni non catturando in b5 e aspettando che fosse l'indiano a farlo. Alla 26ª mossa Anand, dopo quasi 22 minuti utilizzati per tale mossa, iniziava un piano sbagliato giocando Tdb8 e la mossa successiva avveniva l'errore fatale: Anand giocava Tb4 permettendo a Carlsen di guadagnare una qualità. Questo sono spesso gli scacchi: entrambi i contendenti voglio raggiungere una determinata posizione ed entrambi sono contenti di raggiungerla, solo che vi danno una valutazione diversa. Carlsen tra prendere la penna, scrivere la mossa sul formulario, riposare la penna, fare la mossa e schiacciare l'orologio ci ha messo solo 42 secondi per decidere di catturare la torre col proprio alfiere. Anand quindi rispondeva immediatamente, catturando probabilmente col pedone sbagliato: una volta deciso di dare la qualità, doveva fare in modo di attivare la propria torre su colonna "a" e, catturando in b4 col pedone "a" anziché "c" avrebbe aperto una colonna alla propria torre che avrebbe attaccato un pedone avversario. Carlsen giocava per cambiare i pezzi oltre che per rendere mobili i propri pedoni a est. Era chiaro che Anand non aveva compenso per la qualità e, alla 45ª mossa, l'indiano abbandonava la partita che valeva anche la conferma del titolo mondiale per Magnus Carlsen. Questi deterrà ora il titolo sino alla fine del 2016 e potrà guardare dall'alto gli altri scacchisti.

fonte spqrnews